“Ho preso in mano quella fotografia e…”: Giulia (si) commenta

Stranissimo! Forse non dovrei commentare, dato che sono una degli autori…ma è una sensazione veramente bizzarra…I racconti, letti di fila, creano come un vortice di sensazioni diversissime e impattanti, al punto che si arriva alla fine un po’ scombussolati. C’è tanta carne al fuoco….Ogni racconto è denso, forte, un concentrato di impulsi…Faccio veramente i complimenti ai miei compagni di avventura (… cosa ci faccio in mezzo a gente così dotata?!?!) Bello bello…

Giulia Fontan ha commentato “Ho preso in mano quella fotografia e…” nella scheda del libro su aNobii.

Annunci

Di mattina presto, a digiuno: nuovo commento su aNobii

Nuovo commento sulla scheda di Di mattina presto, a digiuno presente su aNobii da parte di Cinzia, una lettrice.

“Una cosa è certa ho proprio voglia di leggere il secondo romanzo di Claudia.

Io ho trovato il libro molto scorrevole.
La storia di una ragazza di 18 anni che racconta le sue vacanze estive..
Tanto sole, amiche, ma soprattutto gli amori estivi.
Quelli che hanno un senso e quelli che purtroppo ti segnano per tutta la vita…

I consigli dei genitori, a volte troppo invadenti,che credono di saper tutto e invece si fanno condizionare dall’aspetto esteriore.

Una storia molto commovente, soprattutto il finale.
Grazie Claudia, per avermi dato la possibilità di leggere il tuo romanzo.”

Volevo essere una donna

Un romanzo che non si può definire generazionale e basta. Sì è vero si parla dell’adolescenza ma di quegli adolescenti della fine anni ’80 quando ancora c’erano i dischi e si suonava nelle cantine degli amici.
Claudia, fresca di maturità e appena diciottenne vuole vivere la sua ultima estate di adolescente senza pensieri ma la vita da adulta l’aspetta dietro l’angolo con tutto il suo dramma.
Incomprensioni con i genitori, le amiche sono tutto, silenzi sopiti solo da un disco che suona.
Solitudine nella folla, motorini e piazzetta un piccolo mondo che non può non cambiare.
Forse un po’ prolisso in alcuni punti ma sicuramente sincero e a cuore aperto.
Un libro che in altri tempi sarebbe stato oggetto di dibattiti e riunioni nelle sezioni dell’UDI.
Oggi purtroppo le donne si occupano solo di Sex and the city. Parliamone, parlatene anche di mattina presto e a digiuno.

Questa è la recensione che koshka, una delle vincitrici del nostro concorso, ha pubblicato sulla sua pagina di anobii a proposito di Di mattina presto, a digiuno.