Cosa hai voglia di leggere oggi?

Una storia divertente? Prova il racconto “Io e la bastarda“.
Una storia d’amore, magari un po’ surreale? Prova “L’ultima della collezione“.
Su 9muse.net puoi acquistare anche singoli racconti da gustare subito a partire da 0,49 euro.

http://www.9muse.net

Annunci

Proroga offerta su “Albina usa un dentifricio spermicida”

Albina usa un dentifricio spermicida
Albina usa un dentifricio spermicida

Dato che il sito è stato offline per un paio di giorni ma adesso è tornato online più in forma di prima (olè!) prorogo l’offerta fino a domani:

acquista una copia di

Albina usa un dentifricio spermicida,

la seconda è in omaggio e la puoi regalare a chi vuoi!

L’offerta è valida solo per acquisti online sul sito 9muse.net

Prima di andare all’inferno… Bikers (ed altra gente)

Bikers (ed altra gente)Quante strade deve percorrere un uomo prima di poterlo chiamare un uomo?” domandava Bob Dylan nella celeberrima “Blowing in the wind”, e la risposta, si sa, soffia nel vento.
Ma appunto per questo noi possiamo rispondere: infinite strade, soprattutto le più difficili, anche quelle che possono condurre all’inferno.

In un certo senso, fu proprio la strada che conduceva “all’inferno” quella scelta dal KANISTERS MC CUNEO quando, ormai alcuni anni fa, decisero di intraprendere la via che li avrebbe portati in breve tempo ad entrare nel mondo della leggenda: oggi sono HELLS ANGELS MC CUNEO, uno dei molti chapter italiani degli Hells Angels.

Ma come la maggior parte delle leggende affonda le sue radici nella storia, così “BIKERS (ed altra gente)” di Carlo Adriano approfondisce – superando stereotipi e falsi luoghi comuni – la dimensione reale di un Motorcycle Cluble leggi e i riti che regolano questo mondo affascinante ma, in realtà, poco conosciuto. Condividere una concezione della vita nella quale la moto, e tutto ciò che si collega al suo simbolismo, assume un valore fondamentale.

Un libro assolutamente inedito, che inneggia alla libertà, allo spirito di fratellanza ed al nomadismo tipici dei bikers, con una galleria di personaggi e di situazioni che danno voce ad emozioni profonde. Un libro che non dovrebbe mancare nella biblioteca di ogni vero motociclista e che, pur nel suo piccolo, non sfigura troppo accanto a “Lo Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta” (di Robert Pirsig) o “Due ruote e una sella” (di Stefano Disegni); qualcuno tra quelli che lo hanno letto ha tirato in ballo “I diari della motocicletta” di Ernesto Che Guevara. In ogni caso, “BIKERS (ed altra gente)” è un libro che merita di essere letto.

Per info e acquisti, puoi contattare direttamente l’autore via email: orsokmc@yahoo.it

Ventitré paia d’occhi in tour

GIOVEDI’ 22 OTTOBRE ORE 21:00

Elisa Massari

Ventitré paia d’occhi

Elisa Massari - Ventitré paia d'occhi - edizioni 9muse.net

PRESSO IL CENTRO SOCIALE “ROSTA NUOVA” A REGGIO EMILIA
VIA MEDAGLIE D’ORO ALLA RESISITENZA 6/1

PER INFO:libriadaltavoce@gmail.com

assaggi: “I casi della vita” in “Albina usa un dentifricio spermicida”

I sobbalzi del pullman erano piacevoli almeno quanto i colpetti regolari di Furio quando al lunedì, mercoledì e venerdì ci faceva l’amore.
Hop – hop – hop… sembrava un cavallino da trotto, e se non fosse stato sempre così ridicolo, sarebbe stato atroce per ogni donna.

I suoi genitori certo dovevano avere un macabro senso del sarcasmo per aver avuto la fantasia di chiamare Furio una persona che di furioso aveva solo l’innata mira di pisciare fuori dal water. E Michela puntualmente si chiedeva quale straordinaria abilità può avere un uomo nell’andare a centrare proprio lo spazietto infinitesimale tra la tavoletta e il muro, dove la scanalatura fra le mattonelle diventa porosa e irraggiungibile per qualunque donna delle pulizie.

Michela pensava a questo suo fidanzato dalla scriminatura dei capelli così precisa sulla destra, che ormai era diventata congenita e bilanciava in modo accademico la sua testa a pera. Lo vedeva addormentarsi la sera e svegliarsi la mattina perfettamente pettinato, scriminatura a destra. Anche quando facevano l’amore lei aveva provato a insinuare una mano in quella fila decisa di capelli ordinati, ma nulla, gli rimaneva comunque un solco delineato come il guscio di una noce.
Michela pensava, quel giorno. Durante l’uscita con gli studenti. (continua… sul libro!)

Tratto dal racconto “I casi della vita” in “Albina usa un dentifricio spermicida”  – http://www.9muse.net

Albina usa un dentifricio spermicida: disponibile sul catalogo 9muse

Da oggi in catalogo

Albina usa un dentifricio spermicida

Nove racconti con un unico filo conduttore: le donne.

Ne emerge un microcosmo femminile fuori dal comune: madri che commissionano lo sterminio della propria famiglia; donne alle prese col tradimento, con le diete, con le menzogne e con l’età; mogli, amanti, figlie; donne giovani, vecchie, inventate, impossibili, insopportabili, estreme.

Un repertorio di donne “diverse” e notevoli in ogni cosa che fanno o che non fanno, delle quali vengono svelati e catalogati manie, vizi, difetti e qualche piccola perversione, senza paura di raccontarsi in una prospettiva grottesca e inverosimile, con una verve gentilmente (o spietatamente?) ironica, fino a creare una voluta “confusione” di emozioni, disagi, speranze, che rompe gli schemi consueti, persino nella forma.

Silvia Mericone è nata a Roma nel 1976.
Attualmente scrive sceneggiature per fumetti per le case editrici Cagliostro e-press e Coniglio editore. Per la casa editrice Cronache di Topolinia cura le serie “Gothic”, “Gabbia dorata” e di prossima uscita “Passo in pietra”. Ha pubblicato il racconto “Programma di riabilitazione Saverio” nella raccolta “Toilet n.10”, edizioni 10844.
Scrive su su http://fumetti542.altervista.org/wordpress

assaggi da Profondo Noir: Il dubbio

C’era effettivamente qualcosa di sbagliato. Se lo sentiva. Era bastato aprire gli occhi, al buon vecchio Frank, e l’aveva capito subito. Un po’ come i vecchi che aspettano il caldo torrido dell’estate. Lo sentono arrivare da lontano, lamentandosi. Si danno un’ultima occhiata intorno, poi cominciano a morire. Inesorabilmente, spiaccicati sull’asfalto come cicche spente. Dev’essere una specie di sesto senso che ti avverte quando i guai si affacciano all’orizzonte preannunciati dal rullare incazzato dei tamburi. Frank se lo sentiva, punto e basta. Non si era ancora dato la prima grattata di coglioni mattutina e già sapeva che qualcosa era dannatamente sbagliato. Che mi venisse un colpo!, pensò il buon vecchio Frank.

Provò a guardarsi attorno, posando lo sguardo perplesso sulla solita camera da letto. Le lenzuola bianche stropicciate, le stampe appese alle pareti, la lampada Ikea. Tutto al posto giusto. Anche la pianta finta, maniacalmente spolverata, nell’angolo di fianco alla porta, se ne stava al suo posto, immobile. Eccheccazzo, sibilò Frank a denti stretti. Era visibilmente infastidito, il buon vecchio. Era una cosa ben strana, quella sensazione. A maggior ragione se si pensa che a quel povero diavolo non succedeva mai un cazzo di niente. Si svegliava, mangiava, cagava, dormiva e con estrema semplicità si svegliava di nuovo. Talvolta gli capitava di prendersi una sbronza o di farsi una sega. Ogni volta che si lustrava l’arnese, poi, si sentiva un vero sporcaccione e la cosa doveva eccitarlo non poco, dato che il più delle volte si concedeva il bis.

Una vita lineare, insomma, senza pennellate creative ma neppure troppe sbavature. Frank parlava di politica, giocava a calcetto con i colleghi della banca, andava a troie nei fine settimana ma solo dopo aver pulito l’appartamento. Lo faceva tutte le settimane, di sabato. Ogni tanto si faceva venire strane idee in merito a possibili utilizzi alternativi dell’aspirapolvere, ma finora si era limitato alle beneamate pratiche onanistiche. Non si era mai fermato a riflettere granché, quel gran figlio di puttana di Frank. Di norma lasciava che le cose capitassero, aspettava che andassero a lui come le stramaledette anime vanno a Gesù Cristo. Senza particolare sforzo, dunque, sospinte dall’inerzia e dalla consuetudine. Mai che avesse avuto difficoltà o esitazioni di fronte a una decisione, mai una stramaledetta volta lungo l’intero arco della sua stramaledetta vita.

Aveva scelto la sua prima macchina, la sua specializzazione universitaria, il suo primo impiego, il suo appartamento con la stessa disarmante semplicità con cui sceglieva di pulirsi il culo con la mano destra oppure con la sinistra. Qualcuno avrebbe potuto perfino spingersi a dire che il buon vecchio Frank semplicemente sceglieva di non scegliere. Si era cuccato la prima fidanzatina per il solo ed unico motivo che era stata lei a domandargli di uscire a cena, di andare al cinema, era stata lei a prenderlo per mano, ad abbassargli i pantaloncini e a fargli il primo pompino della sua lunga ed onorata carriera. Frank era il classico tipo di persona che quando vede una foglia cadere riesce solo a pensare che sta arrivando l’autunno. Tutto filava liscio, insomma.
Eppure, quella mattina, c’era qualcosa che proprio non gli tornava…

brano tratto dal racconto Il dubbio di Pietro Caturano in Profondo Noir

assaggi da Profondo Noir: Dobro Jutro

Pavel Semënovič si liberava delle bottiglie una volta a settimana; il giovedì mattina apriva la porta di casa e usciva con due secchi, uno di plastica e uno di alluminio pieni dei resti delle sue bevute. Vodka e birra con qualche esemplare di vino del Caucaso. Da quando era in congedo lo si vedeva nel cortile solo in quell’occasione, per disfarsi dei vuoti, i morti, come si dice nel gergo dei bevitori. Lo sentivano tutti sul pianerottolo quando si accingeva a compiere la missione settimanale; il respiro affannato, il passo pesante, le bottiglie che sbattevano fra loro e quelle che cadevano infrangendosi sul pavimento del pianerottolo. Restavano i vetri, dei quali Pavel Semënovič non si curava affatto, tutto quello che usciva dai secchi non era più affar suo. Se ne doveva occupare la moglie, Lena, una donna con i capelli di stoppa e le spalle da muratore. Questa non faceva in tempo a rientrare la sera che trovava un vicino a lamentarsi della sporcizia sparsa dal suo Paška nelle parti comuni.
– E’ una vergogna! Ogni volta bisogna stare attenti a non tagliarsi i piedi con questi vetri per terra.
Lena abbassava la testa desolata e cercava le chiavi nella sacca di tela militare con cui faceva la spesa, una tela robusta, che sembrava fatta apposta per trasportare patate.
Senza dire una parola apriva la porta e dopo poco usciva con la scopa di saggina, una scopa dal manico corto che la costringeva a stare con la schiena piegata come usava nelle famiglie di contadini.
L’appartamento in cui vivevo era di gente benestante per i criteri post-sovietici, la mia padrona di casa – la chozjajka – aveva pure una pianta di limone messa nell’intercapedine tra i due finestroni del salotto. Una pianta che era cresciuta dentro una latta di zuppa formato maxi e aveva persino dato frutti, con la temperatura che c’era negli interni riscaldati dagli impianti a gasolio. Non si faceva economia di riscaldamento a Mosca, anche in pieno inverno potevi stare in casa con una maglietta.
Un limone fresco di pianta a Mosca, chi l’avrebbe mai immaginato; quelli come me sapevano però che “Moskvà ne gorod a celyj mir” – Mosca non è una città ma un mondo intero. Un mondo che io cercavo di capire da studentessa di lingue idealista e anche un po’ presuntuosa quale ero a quel tempo.

tratto da Dobro Jutro di Katia Ceccarelli in Profondo Noir

assaggi da Profondo Noir: Gridalo forte

Il casco mi va stretto. E’ di Ciro, ma io tengo la testa più grossa. Se almeno potessi tenere la visiera alzata, forse andrebbe meglio. Ma Ciro dice che non se ne parla. E fa pure caldo. Mi sembra di stare in un forno. Sto troppo scomodo. Tengo il ferro tra i jeans e la pancia. Il calcio spinge contro l’inguine. La canna si è ficcata nell’interno della coscia, appena sotto le palle. Sto sudando, ma il casco è così stretto che le gocce di sudore neanche riescono a scorrere. Non sono nervoso, è solo ‘sto caldo. E poi il casco.
Ciro guida a singhiozzo: accelera e poi dà due botte di freno. C’è traffico e noi andiamo un po’ di fretta, ma la moto si muove agile tagliando in mezzo alle macchine. Seguo i movimenti di Ciro, accompagnando col culo e le gambe, ora a destra ora a sinistra. Non ho mai guidato una moto. Tengo lo scooter, un pezzo vecchio fatto di plastica. E’ un 125, ma fino a oggi mi è bastato. Nel bauletto sotto al sedile ci metto le panette di fumo. Ce ne vanno una sessantina, se sono lunghi trenta o quaranta centimetri e se non li hanno incartati con troppo cellophane. Non sono mai tornato a casa con un solo panetto sotto il sedile. Ciro dice che so’ capace e che porto parecchi soldi. Forse per questo mi hanno cominciato a dare pure la polvere. Quella si vende ancora più facile e si fanno più soldi. Con il fumo riesco a fare in una sera pure tremila euro, ma a me ne vanno solo cinquanta. Con la coca ci accapezzo il triplo, così mò mi posso pure comprare lo scooter nuovo. Ciro però dice che sono sprecato a fare ‘sto mestiere. Io so’ contento quando mi dice così. Mi ha spiegato che se mi comporto bene fra un po’ una moto come la sua me la posso comprare pure io.
“Quanto fai a sera, Gennà?”, mi chiese una volta Ciro.
“So’ 150 euro più o meno…”
“E so’ ancora pochi, Gennà…”

tratto da Gridalo forte, di Pietro Caturano, in Profondo Noir

l’intervist(in)a: Alessandro Galli

1. che libro avresti voluto scrivere?
Ce ne sono molti che, leggendoli, mi salta al naso la smania di riscriverli.. firmandoli di mio. Credo che sceglierei “Il Pendolo di Foucault”, “Q” e i primi 50 numeri di Dylan Dog,

2. in quale libro ti piacerebbe vivere?
Assolutamente un libro di Marquez. forse “Cent’anni di solitudine” atmosfere bellissime. Magari guardando le storie dal di fuori, a scanso di equivoci…


3. quale libro rileggi più spesso?

torno su GGM: “L’amore ai tempi del colera” è anche l’unico libro che abia letto più di 5 volte. 15, per la precisione. quando sono fuori per lavoro e non ho la mia libreria a portata di mano ne compro una copia. sono arrivato a sette… ho fatto molti regali. poi.

4. quale personaggio letterario vorresti essere?
Mattia Pascal… a volte lo spero vivamente.

5. qual è il primo libro di cui ti sei innamorato? e l’ultimo?
il primo credo fosse “Il raggio verde” di Verne. l’ultimo è “Lo zahir”di Coelho. mi piace tanto che non riesco a finirlo.

6. cosa cerchi in un libro?
Di solito non cerco nulla. A volte mi faccio prendere dalla veste grafica, altre dal titolo, più spesso dall’argomento, quasi sempre dal nome dell’autore.
Forse, però, pensandoci, cerco la sorpresa.

7. quale autore/autrice vorresti intervistare? cosa gli chiederesti?
Intervisterei due autori: Valerio Evangelisti per chiedergli … una benedizione… e Dan Brown per chiedergli… i danni.

Alessandro Galli ha scritto il racconto Alice pubblicato in “Ho preso in mano quella fotografia e…”

l’intervist(in)a: Fabio Guastalla

1. Che libro avresti voluto scrivere?
Il mio punto di riferimento letterario è sempre stato Hemingway, e
dubito che qualcuno riuscirà mai a scalzarlo dal trono. Mi piacerebbe
poter rispondere Per chi suona la campana, ovvero la perfezione
assoluta. In realtà mi accontenterei volentieri di uno dei suoi 49
racconti
, ed in particolare Le nevi del Kilimangiaro, se potessi anche
scegliere.

2. In quale libro ti piacerebbe vivere?
Forse ne Una stella di nome Henry di Roddy Doyle, per consolarmi del
fatto che non diventerò mai un rivoluzionario. O magari nell’Alta
Fedeltà
di Nick Hornby, a vendere vinili a Londra parlando da mattina
a sera di musica. Lo ammetto, è una prospettiva allettante.

3. Quale libro rileggi più spesso?
Premettendo che se un libro mi piace lo rileggo almeno 20 volte,
riesco sempre a trovare delle ancore di salvezza in Saltatempo di
Stefano Benni. Al di là dello spaccato di storia italiana dipinto nel
libro, l’ironia con cui riesce a scrivere (ed a riscrivere la sua
vita) è strepitosa. Per lo stesso motivo, Post Office di Bukowski.
Prima o poi farò senza aprirlo perché lo conoscerò a memoria, riga per
riga.

4. Quale personaggio letterario vorresti essere?
Bella domanda. Tra i tanti eroi depositati sulle mensole della mia
camera scelgo l’investigatore Philip Marlowe. Tra tutti gli sbirri
della letteratura novecentesca è l’unico davvero ironico ed
autoironico, distaccato ma coinvolto, in una parola: dissacrante. E
poi Il grande sonno è un capolavoro.

5. Qual è il primo libro di cui ti sei innamorata/o? e l’ultimo?
Riesco a collocare la prima lettura convincente della mia vita ne Il
visconte dimezzato
, che all’epoca riuscì addirittura a togliermi
l’odio viscerale (poi ritrattato in età più “matura”) verso Il barone
rampante
. Il visconte è un libro eccezionale, molto più “adulto” di
quanto non voglia apparire. L’ultima folgorazione in ordine
cronologico si chiama Molto forte, incredibilmente vicino e porta la
firma di Jonathan Safran Foer. Stupendo.

6. Cosa cerchi in un libro?
Un motivo valido per proseguire fino alla pagina successiva.

7. Quale autore/autrice vorresti intervistare? cosa gli chiederesti?
Non vale, qui si parla del mio lavoro! Mi basterebbe presentarmi
dall’Ariosto e stringergli la mano. Col Furioso s’è guadagnato tutta
la mia stima!