Voglia di scrivere? Comincia dall’incipit…

Incipit è un corso di scrittura organizzato a più mani e tenuto nei locali della Libreria Massena28 di Torino.

Coordinano il progetto e la sua organizzazione Marianna Martino, titolare di Zandegù Editore, e Virginia Michetti, ideatrice del corso, giornalista e blogger.

Per info, iscrizioni, date e costi date un’occhiata al sito.

Annunci

Portici di Carta 2009: la libreria più lunga del mondo è a Torino

Il 26 e il 27 settembre a Torino: incontri con gli autori, presentazioni con gli autori, spazio bimbi e robe cioccolatose

dal sito Portici di Carta:

Il 23 settembre i nomi degli autori e il programma

Il programma completo e i nomi degli ospiti verranno svelati al pubblico mercoledì 23 settembre, in una conferenza stampa che si terrà alle 11.30 presso il Caffè Neuv Caval ‘d Brôns (piazza San Carlo, 155, Torino).

Il percorso

Per un intero week-end i portici di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice si trasformano in un’immensa bancarella. Migliaia e migliaia di titoli per lettori di tutte le età, per tutti i gusti e tutte le tasche. Un’offerta irresistibile per il lettore appassionato, una tentazione per il semplice curioso, una proposta divertente anche per il passante impegnato nello shopping.
In Piazza San Carlo il corner per gli eventi ospiterà un ricco programma di incontri con gli autori, presentazioni, dibattiti, tavole rotonde e spettacoli.

La carica dei 120

A gestire le librerie sono come di consueto oltre 120 librai di Torino e provincia: dalle grandi catene internazionali alle librerie indipendenti, dalle librerie antiquarie ai remainders fino a quelle più specializzate. L’ultimo best seller e il titolo raro, il volume antico e il fuori catalogo, il manuale tecnico e il testo professionale, il libro per ragazzi e quello in lingua straniera: a Portici di Carta c’è tutto.

Le Vie del Libro

Il percorso di Portici di Carta è suddiviso in tratti tematici, vere e proprie «vie del libro» che facilitano l’orientamento nei diversi generi: la Via dei Ragazzi, della Storia, dei Viaggi

Ci vediamo a Portici di Carta!

Idee per far conoscere il tuo libro – scarica gratis l’e-book di Bianca Adriano!

idee per far conoscere il tuo libro

“Quando si trova qualcosa per il quale si ha talento vero, la si fa (qualunque cosa sia) fino a farsi sanguinare le dita o cascare gli occhi dalla testa” – Stephen King – On writing

Statistiche e sondaggi ci dicono che gli italiani leggono poco, anzi pochissimo, meno di francesi e spagnoli, per rimanere in Europa, meno degli americani se varchiamo l’oceano; e quando acquistano un libro scelgono gli autori che già conoscono. Basta dare un’occhiata alle classifiche dei libri più venduti per accorgersi che compaiono i soliti noti, pochissimi esordienti, contatissimi casi letterari.

Se riuscire a pubblicare un libro oggi non è più così difficile, soprattutto grazie all’auto-produzione, riuscire a farsi leggere lo è ancora.

Scrivere un libro è faticoso: ci vuole amore e dedizione, passione e pazienza, perseveranza e determinazione e molta costanza, ma quando giungi alla fine è una davvero una grande soddisfazione. Quel che desideri, a questo punto, è che altre persone leggano il tuo libro, in verità vorresti che tutti lo leggessero perché è la tua storia e perché sei convinto di aver fatto un buon lavoro. Quel che desideri, adesso, è condividerlo con gli altri.

Molti autori esordienti pensano che il loro lavoro sia terminato con la pubblicazione del loro libro, pensano che quello sia un punto di arrivo anziché di partenza, il momento in cui cominciano a vedere i risultati del loro lavoro e quindi si mettono in attesa e assumono un atteggiamento passivo, pieno di aspettative.
La pubblicazione, invece, è un punto di partenza perché è il momento in cui il libro comincia ad esistere per i lettori, cioè per il pubblico a cui è destinato, è il momento in cui comincia il suo cammino per trovare la sua strada.

Se hai scritto un libro, nessuno più di te ha così voglia di farlo conoscere, nessun altro potrà desiderare con la tua stessa intensità che sia letto e possibilmente apprezzato, nessuno avrà la tua stessa determinazione.
Stare fermi e non fare nulla aspettando che succeda qualcosa è il modo migliore perché non accada nulla. Fai accadere le cose!
Sia che tu abbia pubblicato con una grande casa editrice, sia che tu ti sia rivolto ad un editore medio-piccolo o abbia scelto l’auto-pubblicazione, tu sei la persona migliore per far conoscere il tuo libro!

Il mio e-book Idee per far conoscere il tuo libro contiene alcune idee di semplice applicazione che ti consentiranno di aumentare la visibilità del tuo libro a costo zero, o quasi. Inizia subito a far conoscere il tuo libro!

Acquistalo su 9muse.net!

Colonne sonore: Capo Nord

Fabio Guastalla, per la lettura del suo racconto Capo Nord, suggerisce, in rigoroso ordine cronologico, See these bones dei Nada Surf e la numero 12 dei Ghosts I-IV dei Nine Inch Nails.

“Ho preso in mano quella fotografia e…”: Giulia (si) commenta

Stranissimo! Forse non dovrei commentare, dato che sono una degli autori…ma è una sensazione veramente bizzarra…I racconti, letti di fila, creano come un vortice di sensazioni diversissime e impattanti, al punto che si arriva alla fine un po’ scombussolati. C’è tanta carne al fuoco….Ogni racconto è denso, forte, un concentrato di impulsi…Faccio veramente i complimenti ai miei compagni di avventura (… cosa ci faccio in mezzo a gente così dotata?!?!) Bello bello…

Giulia Fontan ha commentato “Ho preso in mano quella fotografia e…” nella scheda del libro su aNobii.

Biblioterapia: quando i libri aiutano a guarire

Mi è ritornato tra le mani un articolo pubblicato il 20 settembre scorso su “la Repubblica” che si intitola “Biblioterapia – Quando i libri aiutano a guarire“. E’ uno dei servizi offerti da una nuova libreria, la School of Life, che si trova a Londra nel quartiere di Bloomsbury, dove nacque l’omonimo circolo letterario legato a Virginia Woolf e sede ancora oggi di molte case editrici e librerie.

Funziona così: se qualcuno ha un problema, lo racconta al libraio e riceverà subito un cofanetto con sei libri scelti dal professor Ronert Macfarlane della Cambridge University, insieme a un volantino che gli spiega la scelta dei titoli.

Benedetta Cibrario, premio Campiello 2008 con Rossovermiglio, dice:

“Ho sempre pensato che i libri fossero la mia salvezza. […] Se hai pensieri pesanti, opprimenti, leggere ti fa spostare il fuoco fuori da te. Ti porta in un’avventura diversa, in un mondo altro, in un viaggio speciale. […] Nei libri puoi trovare la fuga e l’intrattenimento, il piacere e il divertimento, ma anche gli strumenti per scoprire il mondo e te stesso. Le storie sono terapeutche, lo sono i personaggi, le vite degli altri.”