Biblioterapia: quando i libri aiutano a guarire

Mi è ritornato tra le mani un articolo pubblicato il 20 settembre scorso su “la Repubblica” che si intitola “Biblioterapia – Quando i libri aiutano a guarire“. E’ uno dei servizi offerti da una nuova libreria, la School of Life, che si trova a Londra nel quartiere di Bloomsbury, dove nacque l’omonimo circolo letterario legato a Virginia Woolf e sede ancora oggi di molte case editrici e librerie.

Funziona così: se qualcuno ha un problema, lo racconta al libraio e riceverà subito un cofanetto con sei libri scelti dal professor Ronert Macfarlane della Cambridge University, insieme a un volantino che gli spiega la scelta dei titoli.

Benedetta Cibrario, premio Campiello 2008 con Rossovermiglio, dice:

“Ho sempre pensato che i libri fossero la mia salvezza. […] Se hai pensieri pesanti, opprimenti, leggere ti fa spostare il fuoco fuori da te. Ti porta in un’avventura diversa, in un mondo altro, in un viaggio speciale. […] Nei libri puoi trovare la fuga e l’intrattenimento, il piacere e il divertimento, ma anche gli strumenti per scoprire il mondo e te stesso. Le storie sono terapeutche, lo sono i personaggi, le vite degli altri.”

Annunci

3 pensieri su “Biblioterapia: quando i libri aiutano a guarire

  1. e io che son tanto rugna che posso leggere?
    Il mondo è tanto grigino ogggi……………anche ieri, e ieri prima, e prima prima…..

  2. Non solo il risparmio è notevole, ma puoi anche portare il “terapeuta” sempre con te!

    Desy, l’articolo consiglia, tra gli altri, Mark Haddon, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, perché genera ottimismo.
    Oppure puoi provare con Rossovermiglio 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...