WebDays 2008, editoria e morte dell’intermediario (?!)

WebDays 2008 - 5

Giorni interessanti quelli del WebDays 2008 che si è tenuto la settimana scorsa a Torino.

Tra le conferenze che ho seguito, un paio sono state particolarmente interessanti:
La morte dell’intermediario (e dell’autore) e La seconda vita dei contenuti su editoria, libri, scrittori, formati, ruoli. Per me, spunti, riflessioni, neuroni in movimento.

Conduceva le danze Arsenio Bravuomo. Mi sono complimentata con lui per l’ottimo lavoro il giorno dopo, durante il buffet del Barcamp, mentre cercava di convertirmi al vino quando a me bastava un bicchiere di coca (cola).

Non c’è dubbio e non c’è storia: è meglio il vino, ma poi sarei stata folgorata da un abbiocco postprandiale irreversibile e mi sarei schiantata su una poltroncina. Non ci avrei fatto una bella figura.

equiLIBRIsti a Torino

Domani sera 28 febbraio, alle ore 21:30, presso il circolo Il Pueblo, in via Palestro 3 a Torino, ci sarà la puntata numero zero di “equiLIBRIsti“, il quiz sulla letteratura, rigorosamente dal vivo!

In palio, libri messi a disposizione dalla Libreria Massena e drink offerti da Il Pueblo.

Attenzione, attenzione! Non è un quiz per secchioni ma per appassionati di libri e letteratura!
Venite a partecipare, venite a guardare, venite a fare il tifo per le due squadre che si sfideranno, venite a sbevazzare, venite a farvi i fatti vostri.

Io ci sarò, tanto se mi interrogano mi giustifico 😀

Melting Plot – Racconti+Musica+Arte

Simone Laudiero
Giovedì scorso, 21 febbraio, verso le ore 19:00, ero al Circolo dei Lettori a Torino a vedere e ascoltare questa cosa qui:

MELTING PLOT 2007 – 2008
Racconti+Musica+Arte

Il resto del mondo – testo di Simone Laudiero

con Valentina Valenzano al pianoforte e le installazioni artistiche di Cosimo Veneziano.

Ho fatto anche qualche foto che, quando il portatile si deciderà a sputarle fuori, metterò online.
Simone ha raccontato con ironia le disavventure di un napoletano immigrato a Milano, dove tutti hanno un amico napoletano simpatico e chi non ce l’ha se ne procura uno al più presto (pare che a Milano sia un must possederne uno).

Di mattina presto, a digiuno

“Era l’estate dei miei diciotto anni e avevo poche preoccupazioni. Le principali consistevano nel trovare il vestito giusto per le feste e non tornare a casa troppo ubriaca. La scuola era finita, avevo dato la maturità e non avevo compiti da fare perché a ottobre avrei cominciato l’università a Torino. Avevo solo voglia di godermi quei mesi di vacanza e abbronzarmi…”

Claudia BruniDi mattina presto, a digiuno

Questo è l’incipit del primo romanzo che stiamo per pubblicare e che uscirà (speriamo!) alla fine di questo mese.

Tanti auguri Claudia per il tuo esordio letterario, in bocca al lupo a noi per il nostro debutto editoriale.